Tube stereo preamp - ARESAUDIO electronics & audio engineering

electronic engineering
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

Progetti

Tube stereo preamp
Preamplificatore doppio canale con tubi a vuoto per hi-fi microfoni o alta impedenza per strumenti musicali

Descrizione:
Prima di descrivere il progetto seguente premetto che questa è una mia realizzazione ma lo stampato e lo schema elettrico è stato trovato in rete http://www.gyraf.dk/gy_pd/g9/g9pd.htm tutto il resto è stato sviluppato dal sottoscritto comprese le modifiche.Esso illustra per lo più la costruzione, l'assemblaggio e le scelte ad essi correlate.

Nell'intento di costruirmi un preamplificatore a valvole per la ripresa live di 2 microfoni e mentre cercavo in rete qualcosa che mi desse soddisfazione trovai uno schema di un pre chiamato GYRATEC IX. Guardandolo attentamente mi sembrava ingegnerizzato abbastanza bene e così decisi di utilizzarlo per la realizzazione di questo pre.

La componentistica è classica anche se quì come i miei altri progetti le resistenze da 1/4W sono all'1% ma possono essere utilizzate anche quelle al 5%, i tubi sono selezionati a coppie (2xV1 + 2xV2)per garantire le caratteristiche elettriche dei due canali più simili possibili.A differenza del progetto originale ho fatto alcune modifiche che interessano per lo più quello che è presente al di fuori della scheda madre (a parte le resistenze di cui sopra) e cioè:

-Presenza di 2 VU-METER di indicazione del livello di ingresso audio con relativo circuito driver

-Circuito MUTING per evitare fastidiosi rumori di accensione e soft-start anodica

-Eliminazione del PCB dove normalmente vegono installati i controlli

-Replica anche sul pannello frontale dei connettori di ingresso Canon bilanciati

-Presenza sul pannello posteriore di 2 connettori Jack per un'eventuale prelievo di audio sbilanciato

-Il regolatore di tensione del filamento è stato portato sul pannello posteriore e corredato di dissipatore di calore

-Presenza di un'interruttore di ground-lift

Costruzione meccanica:

Il preamplificatore alloggia comodamente in un contenitore per elettronica HIFI2000 con il pannello in alluminio da 10mm, lo scasso centrale è stato fatto con una fresa ma purtroppo avendone utilizzata una manuale la precisione lasciava a desiderare e di conseguenza è stato finito e lucidato a MANO (faticaccia immane!) successivamente, dato l'alto guadagno complessivo del circuito, ho pensato di schermare, per quanto possibile, la main board dalla presenza di un eventuale flusso disperso dei trasformatori di alimentazione.I 2 VU-meter sono NEC di recupero e sono stati smontati da apparecchiature RF vintage (molto belli), sono stati sverniciati poichè erano di colore nero e poi lucidati sempre a mano ( e ti pareva! ) e non contento, sono stati modificati per poter accogliere nel loro interno una lampada di illuminazione poichè sprovvisti, i pomelli sono di ottone massiccio e cromati sono di provenienza "musicale" (si usano sulle chitarre elettriche) e made in Cina, i commutatori rotanti sono "Palazzo" di ottima qualità e di provenienza italiana

Il pannello frontale è sempre in alluminio ma con spessore di 1,5mm fissato al pannello da 10mm con delle viti autofilettanti dove sono stati installati i seguenti controlli (per canale):

-Phase reverse switch

-High pass filter switch

-Mic/Line/Phantom switch

-Gain selector

-Output level

-Input balanced Canon connector

-Instrument HI-Z Jack connector

------------------------------------------------------------------

Sul pannello posteriore troviamo:

-2 connettori audio in bilanciato Canon femmina

-2 connettori audio out bilanciato Canon maschio

-2 connettori audio out sbilanciato jack 6,3mm

-Inerruttore ground-lift

-connettore VDE 220V AC + portafusibile ed interruttore di rete

Costruzione elettrica:

Il cablaggio del pannello frontale è stato realizzato tutto "in aria" anche se avevo i PCB del progetto originale ma volevo un look personale e, usandoli sarei stato costretto a posizionare i controlli in modo obbligato, l'assemblaggio della main-board non ha creato grossi problemi e l'unici componenti di difficile reperibilità e costo sono i trasformatori audio di ingresso e di uscita che per altro sono anche diversi tra loro e cioè hanno un rapporto di 1:6,45 per quello di ingresso mentre per l'uscita si ha un rapporto di 2:1 (in realtà dovrebbe essere 1:2 ma viene montato al contrario) e si possono reperire sul sito RS components.Per gli zoccoli delle valvole ho optato per quelli in ceramica con contatti dorati poichè sono di gran lunga i migliori anche se costicchiano, delle valvole ho parlato prima sono ECC82 a coppie selezionate i potenziometri sono Bourns a plastica conduttiva, connettori Neutrik.I circuiti di soft start e driver dei VU-METER sono stati realizzati su millefori (x me unica nota dolente ma non ho avuto il tempo per realizzare un PCB, avrei voluto postare gli schemi ma non me li ritrovo più), l'accensione e lo spegnimento avviene in modalità toggle (premi--> accendi / premi nuovamente---> spegni) il circuito viene alimentato direttamente da rete (220V AC) e con un'opportuno partitore e regolatore si ottengono i 12V necessari al suo funzionamento.Sul pannello poseriore nella parte interna noterete due relè i quali sono deputati a mutare l'uscita audio non appena si spegne l'apparecchio e a ritardare il transito dell'audio verso l'uscita all'accensione.

Per il circuito driver VU-METER cè l'uso di un doppio operazionale che pilota direttamente i milliamperometri che possono essere tarati accuratamente tramite dei trimmer multigiri, il prelievo del segnale audio necessario a questo circuito è stato prelevato dal punto comune a R26-C8.

Lo switch sul retro "Ground-lift" serve per scollegare la terra del circuito dalla massa dello chassis qualora si presentassero problemi di ground-loop.



 
ares@aresaudio.com
http://www.aresaudio.com
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu